Altra prova impegnativa per le “Donne Etrusche” che, dopo l’ottima prestazione nell’ultimo turno di campionato, terminata con una sconfitta di misura e più di un rimpianto contro la capolista Montevirginio, si trovano ad affrontare l’altra big del girone, Bologna.

La trasferta emiliana si rivela da subito particolarmente complicata, le padrone di casa partono, infatti, col piede sull’acceleratore, decise a non lasciare spazio alle iniziative etrusche e a imporre immediatamente la propria supremazia territoriale; la franchigia tosco-umbra, frastornata dalla partenza a razzo delle bolognesi, subisce due mete nel giro di pochi minuti (10-0), non riesce a organizzarsi e a contrastare efficacemente il gioco fisico delle avversarie che riescono così a segnare nuovamente e a portarsi sul 15-0.

Le Etrusche abbozzano una reazione, guadagnano terreno e riescono ad andare in meta con Bianchi, abile a sfruttare una ripartenza veloce, Matteo trasforma e riduce il passivo (15-7), ma è solo un fuoco di paglia, le bolognesi infatti prima dell’intervallo segnano di nuovo, allungando sul 22-7, risultato con cui si conclude la prima frazione.

Il secondo tempo vede scendere in campo una squadra completamente trasformata, le Etrusche lottano su ogni pallone con determinazione, cercano di conquistare terreno metro dopo metro, mostrano la qualità del proprio rugby e mettono alle corde le avversarie, ma nel momento migliore subiscono la quinta meta di giornata (27-7), un colpo che potrebbe fiaccarne definitivamente la resistenza, ma che diventa invece la scintilla capace di riaccenderne lo spirito battagliero, le Etrusche si scrollano di dosso timori e paure, e gettano il cuore oltre l’ostacolo alla ricerca di una rimonta impossibile, che sembra concretizzarsi quando Bianchi riesce ad andare in meta due volte nel giro di pochi minuti, la numero 10 prima schiaccia l’ovale tra i pali dopo uno scatto di sessanta metri che non lascia scampo alle avversarie, poi si incunea tra le maglie della difesa felsinea che non riesce a contrastarla, le trasformazioni di Matteo, oggi in versione cecchino infallibile, fissano il risultato sul 27-21.

Partita in chiaro scuro per le Etrusche, come sottolinea coach Villanacci, soddisfatto per il secondo tempo, la reazione della squadra e il punto bonus conquistato, ma anche rammaricato per l’approccio iniziale alla gara, che ha compromesso un risultato che poteva essere diverso : “Un calo di concentrazione che a questi livelli non viene perdonato, specie da avversarie di questo spessore”.

Il campionato si fermerà ora in occasione del “Sei nazioni”, che già domenica vedrà impegnata la nazionale italiana a Reggio Emilia contro l’Inghilterra, prima del match si svolgerà un torneo tra le varie selezioni regionali under 18, che vedrà tra le protagoniste la “baby etrusca” Monzali, convocata con la Toscana.

DONNE ETRUSCHE : Mastroforti, Pinto (15’ st Piccioni), Cimino G., Matteo, Bettarelli, Bianchi, Pagani, Marcorelli (10’ st Cimino A.), Isolani, Rossini, Roggi, Bartolozzi, (25’ st Panfili), Massini, Al Majali (20’ st Scialdone C.). A disposizione Monzali, Sparla, Biscarini, Scialdone G. Coach : Villanacci.

Similar Posts