Domenica 18 marzo, finita la interminabile pausa per i tornei 6 Nazioni maschile e femminile, riparte il campionato seniores di serie C Regionale. Il Clanis incontra gli Etruschi Livorno sul campo del Villaggio del Giovane di Castiglion Fiorentino. La pioggia insistente rende il campo molto pesante, ma l’arbitro il Sig.Celentano, fischia l’inizio gara. Il Clanis va in meta dopo appena 7 minuti, le condizioni del campo iniziali permettono delle giocate alla mano e la velocità dei tre/quarti di Chianciano e Cortona portano Pinceti a finalizzare in meta. Durante il primo tempo si riesce a giocare, a stare in piedi e cercare gioco con passaggi alla mano, tanto che il Clanis va vicino molto vicino alla conclusione per almeno tre volte. Secondo tempo inizia Rugby epico, campo appena praticabile che non permette velocizzazioni; si gioca di forza e di coraggio cercando di di stare in piedi alla meglio, Il Livorno si affaccia vicino alla linea dei 22 metri, ma la difesa dei ragazzi del Clanis non molla e con tecnica della situazione respinge l’aggressività dei livornesi. Forse solo l’arbitro, in grado di poter vedere il colore degli occhi, distingueva i giocatori per poter assegnare i numerosi inevitabili falli in vanti. Arriva il fischio finale come premio e liberazione, i giocatori si abbracciano senza sapere se è un compagno e uno dell’altra squadra, ma non importa il Rugby è bello anche per questo.

Questo Clanis non lo ferma neanche la pioggia e il fango, tra tante difficoltà di cambiare continuamente il campo di allenamento, allenatori che saltano da un terreno a un altro, porta avanti la sua storia con le sue ragazze che mantengono una posizione di tutto rispetto in serie A, le giovanili che crescono… tante complessità ma si affrontano, e si superano, come il campo di domenica, vedi foto allegate, per far considerare il Rugby uno sport e non un altro sport.

Similar Posts

Comments are closed.